Relazione sulla gestione finanziaria dell’INPS

5 aprile 2016 [Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2016 11:06]

Il 4 febbraio 2016 è stata discussa e deliberata la Relazione con la quale annualmente la Corte dei Conti, in base agli atti e agli elementi acquisiti, riferisce alle Presidenze delle due Camere del Parlamento il risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell’INPS.
All’interno della Relazione non viene esposto solo ciò che afferisce alle prestazioni previdenziali (pensioni, sostegno al reddito, disoccupazione ecc.) ma anche alle prestazioni assistenziali di competenza dell’Istituito fra le quali il tema dell’invalidità civile.

Su quest’ultimo aspetto, la Relazione sugli esercizi 2013 e 2014 mette in luce come “nel settore dell’invalidità civile le norme emanate e le conseguenti scelte operate dall’Istituto non hanno ancora trovato piena attuazione”.
Questo è vero ad esempio nel caso dell’integrazione delle commissioni mediche delle ASL da parte dei medici dell’INPS o della completa telematizzazione dell’intero procedimento di accertamento e riconoscimento dell’invalidità civile. Nel 2014 solo nel 40,6% dei casi le visite mediche per l’accertamento dell’invalidità sono state svolte da Commissioni ASL integrate con medici INPS, e spesso ciò è avvenuto ricorrendo all’impiego di professionisti esterni convenzionati. Per quanto riguarda le procedure telematiche, sul versante della convocazione a visita si è ancora lontani da una calendarizzazione in tempo reale, soprattutto a causa dello scarso uso da parte delle ASL degli strumenti messi a disposizione dall’Istituto. Sul versante invece della redazione e trasmissione dei verbali, il ricorso alla modalità telematica risulta in aumento, tanto che in alcune Regioni appare pressoché esclusiva; al contrario di ciò che avviene in Lazio e Lombardia dove la modalità cartacea genera effetti negativi sugli obiettivi di servizio.

Inoltre, a parere della Corte dei Conti, il persistere di più soggetti coinvolti nel procedimento è andato a scapito dei propositi di semplificazione e di maggiore celerità dell’iter che erano negli intenti del legislatore, creando un ulteriore elemento di appesantimento.
I tempi medi di liquidazione delle prestazioni, comprensivi della fase di accertamento sanitario, risultano ancora lunghi e in ulteriore crescita rispetto al 2012: in media trascorrono 292 giorni per l’invalidità civile, 341 giorni per la cecità e 410 giorni per la sordità. Tempistiche ben lontane dall’obiettivo del termine massimo di 120 giorni dalla data di presentazione della domanda che l’Istituto si era posto già all’epoca dell’informatizzazione dell’intero processo (2011).

Questa ulteriore dilazione dei tempi di attesa lascerebbe supporre che sia aumentato anche il volume degli interessi di mora che ogni anno l’Istituto è chiamato a versare ai titolari di pensione per i ritardi nell’erogazione delle prestazioni (oltre i 120 giorni). L’entità della somma versata per tali ritardi è una voce di spesa significativa per l’Istituto e solitamente in aumento ogni anno. Al contrario, nonostante l’espansione dei tempi per l’erogazione delle provvidenze di invalidità civile, che originano oltre il 60% del totale degli interessi legali di mora corrisposti dall’INPS, la cifra versata è passata dagli oltre 64 milioni di euro del 2013 ai 48,1 milioni del 2014. Il fenomeno è presto spiegato e non è certo dovuto a un miglioramento delle perfomance dell’INPS o delle ASL. Su tale diminuzione ha, infatti, inciso la riduzione del tasso ufficiale degli interessi legali, passato dal 2,5% all’1%, per effetto del Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 12 dicembre 2013, in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2014.

Anche la previsione legislativa di stipulare convenzioni con le Regioni per attribuire all’INPS le funzioni relative al primo accertamento dei requisiti sanitari non ha prodotto soluzioni concretamente praticate per il superamento delle difficoltà operative. A distanza di tre anni, infatti, soltanto le Regioni Campania, Sicilia, Veneto e Lazio, cui si sono aggiunte dal 1° novembre 2014 la Basilicata e il Friuli Venezia Giulia, hanno stipulato accordi, di carattere sperimentale: per un anno e limitatamente al territorio di alcune province, per l’accertamento dei requisiti sanitari da parte dell’Istituto. Laddove il monitoraggio realizzato evidenzia una riduzione dei tempi medi relativi alla fase sanitaria piuttosto consistente: 102 giorni di media (con punte di 37 giorni), in confronto ai 150 giorni del precedente iter ASL-INPS. Dati che sembrerebbero, quindi, far ritenere raggiungibile l’obiettivo dei 120 giorni dalla domanda per la liquidazione delle prestazioni, con benefici sia in termini di riduzione degli interessi passivi corrisposti conseguente al contenimento dei tempi di conclusione dell’iter, sia di garanzia del rispetto dei diritti del cittadino.

Nel 2014 sono state presentate all’INPS 1.456.665 domande per il riconoscimento dell’invalidità civile (erano state 1.350.021 nel 2013 e 1.235.057 nel 2012). Ad una domanda può essere abbinata la richiesta di più prestazioni, come nel caso, ad esempio, della richiesta di riconoscimento dell’invalidità civile e dello stato di handicap. Nel 2014, le richieste di prestazioni, correlate alle domande registrate, ammontano a 2.458.354, delle quali le più numerose si riferiscono all’invalidità civile e al riconoscimento dello stato di handicap ex lege 104/92.

Invalidità civile Cecità civile Sordità Handicap
(L. 104/92)
Collocamento mirato
(L. 68/99)
Totale
1.250.994 25.772 19.353 1.047.989 114.296 2.458.354

[Segnaliamo che nella tabella sopra riportata – ripresa da pag. 71 della Relazione 2013-2014 – il totale delle prestazioni non corrisponde alla somma delle prestazioni per tipologia]

Cogliamo l’occasione della pubblicazione della Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell’INPS per gli esercizi 2013-2014, per arricchire la nostra banca dati anche delle Relazioni precedenti, relative agli esercizi finanziari 2012, 2011 e 2010.

© Riproduzione riservata