Fondo Politiche Sociali

1 luglio 2013 [Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2017 10:34]

In questo Focus troverete una ricostruzione delle disposizioni normative relative all’istituzione e alle dotazioni economiche del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali (FNPS), nonché un quadro dei decreti di riparto delle risorse attribuite alle Regioni e, fino al 2010, alle Province Autonome di Trento e di Bolzano.

La Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n.208) rifinanzia il FNPS con circa 313 milioni di euro per l’anno 2016 e 2017 e con circa 314 milioni di euro per l’anno 2018 (Tabella C, “Stanziamenti autorizzati in relazione a disposizioni di legge la cui quantificazione annua è demandata alla legge di stabilità”).

Il Fondo sarà successivamente oggetto del consueto decreto di riparto fra le Regioni.

In particolare, per l’annualità 2017, come emerge dalla risposta scritta del Ministero del lavoro e delle politiche sociali all’Interrogazione parlamentare dell’onorevole Donata Lenzi, l’entità delle risorse che saranno effettivamente trasferite dallo Stato alle Regioni sarà pari a 99,8 milioni di euro. Ciò in forza dell’Intesa del 23 febbraio 2017 (documento non accessibile) raggiunta tra Governo, Regioni e Province Autonome (Tabella 3, “Riduzione risorse 2017”) sul documento concernente il contributo alla finanza pubblica delle Regioni a statuto ordinario per l’anno 2017.

Indice

Istituzione e caratteristiche del FNPS
I decreti di riparto del FNPS
Tabella riassuntiva delle dotazioni del FNPS
Grafico 1 – Andamento degli stanziamenti del FNPS

Istituzione e caratteristiche del FNPS

Il «Fondo Nazionale Politiche Sociali (FNPS)» è stato istituito dall’articolo 59, comma 44 della Legge 27 dicembre 1997, n. 449 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica), pubblicata nella Gazz. Uff. 30 dicembre 1997, n. 302, S.O. n. 255.

Nella sua formulazione originaria, il Fondo era costituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la finalità di promuovere interventi per la realizzazione di standard essenziali e uniformi di prestazioni sociali su tutto il territorio nazionale, mediante finanziamenti in favore non solo di Regioni, Province Autonome ed Enti locali, ma anche di organismi del terzo settore e del volontariato.

In questa prima fase il Fondo era alimentato sia da una dotazione generale, sia dagli stanziamenti previsti da iniziative legislative di settore, tra cui quelle inerenti l’infanzia e l’adolescenza, la disabilità, le tossicodipendenze. Esso si configurava, pertanto, come una sommatoria di finanziamenti statali necessari all’attuazione delle leggi nazionali di settore.

Con la Legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), pubblicata nella Gazz. Uff. 13 novembre 2000, n. 265, S.O. n. 186, il Fondo si configura come lo strumento mediante il quale lo Stato, insieme alle Regioni e gli Enti locali, concorre al finanziamento della spesa sociale. Ad esso viene dedicato l’articolo 20 della Legge 328/2000. Al suo interno confluiscono tutti i finanziamenti connessi alle leggi nazionali di settore vigenti nell’ambito delle politiche sociali, nonché le risorse aggiuntive stanziate dalla stessa Legge quadro in favore di Regioni e Province Autonome. Con il compito, quest’ultime, di distribuirle sul proprio territorio per l’attuazione dei Piani di Zona predisposti dagli Enti locali.

La riforma del Titolo V della Costituzione (Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 “Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione”, pubblicata nella Gazz. Uff. 24 ottobre 2001, n. 248) ha determinato lo spostamento della materia dell’assistenza sociale dall’area della potestà legislativa concorrente Stato-Regioni a quella della potestà legislativa esclusiva delle Regioni, salvo riservare allo Stato la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale.

Il nuovo sistema dell’autonomia finanziaria delle Regioni pone limiti ben precisi allo Stato nella disciplina delle modalità di finanziamento delle funzioni spettanti in via esclusiva alle Regioni. Ciò significa che non sono ritenuti più ammissibili i finanziamenti a destinazione vincolata in materie e funzioni la cui disciplina spetti alla podestà legislativa regionale. In tale direzione l’articolo 46, comma 1, della Legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato), pubblicata nella Gazz. Uff. 31 dicembre 2002, n.305, S.O. n. 240, stabilisce che il Fondo venga determinato tanto dagli stanziamenti previsti per gli interventi disciplinati dalle disposizioni legislative indicate dall’art. 80, comma 17, della Legge 23 dicembre 2000, n. 388 [1], e successive modificazioni, quanto da quelli contemplati per gli interventi comunque finanziati a carico del Fondo medesimo, disciplinati da altre disposizioni, con la precisazione che tali stanziamenti “affluiscono al Fondo senza vincoli di destinazione”.

[1. Con effetto dal 1° gennaio 2001 il Fondo nazionale per le politiche sociali di cui all’articolo 59, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, è determinato dagli stanziamenti previsti per gli interventi disciplinari dalle seguenti disposizioni legislative, e successive modificazioni: a) testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309; b) legge 19 luglio 1991, n. 216; c) legge 11 agosto 1991, n. 266; d) legge 5 febbraio 1992, n. 104; e) decreto-legge 27 maggio 1994, n. 318, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 1994, n. 465; f) legge 28 agosto 1997, n. 284; g) legge 28 agosto 1997, n. 285; h) legge 23 dicembre 1997, n. 451; i) articolo 59, comma 47, della legge 27 dicembre 1997, n. 449; l) legge 21 maggio 1998, n. 162; m) decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286; n) legge 3 agosto 1998, n. 269; o) legge 15 dicembre 1998, n. 438; p) articoli 65 e 66 della legge 23 dicembre 1998, n. 448; q) legge 31 dicembre 1998, n. 476; r) legge 18 febbraio 1999, n. 45.]

Alcuni successivi provvedimenti normativi hanno ridotto gli stanziamenti a valere sul Fondo Nazionale Politiche Sociali. In particolare, le risorse del Fondo per l’infanzia e l’adolescenza (istituito dalla Legge 28 agosto 1997, n. 285 “Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l’infanzia e l’adolescenza”, pubblicata nella Gazz. Uff. 5 settembre 1997, n. 207), inizialmente allocate nel FNPS, a decorrere dall’anno 2008 sono determinate dalla Legge di Stabilità (prima denominata Legge finanziaria), limitatamente alle risorse destinate al finanziamento degli interventi nei 15 Comuni riservatari indicati dalla legge istitutiva. Le rimanenti risorse del Fondo nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza confluiscono indistintamente nel FNPS. Per quanto riguarda, invece, le somme destinate al finanziamento degli interventi costituenti i diritti soggettivi, la Legge finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n. 191 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010), pubblicata nella Gazz. Uff. 30 dicembre 2009, n.302, S.O. n. 243) ha disposto che essi siano finanziati attraverso appositi capitoli di spesa iscritti nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

I decreti di riparto del FNPS

Il Fondo Nazionale Politiche Sociali è la principale fonte di finanziamento statale delle politiche sociali italiane.

Le risorse del FNPS, ripartite annualmente fra le Regioni, le Province Autonome, i Comuni e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, sono assegnate con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, d’intesa con la Conferenza unificata.

Tabella riassuntiva delle dotazioni del FNPS*

Anno Regioni e Province Autonome** Amministrazioni centrali Totale Decreto di riparto***
2002 771.461.269,00 319.425.678,00 1.090.886.947,00 Decreto 8 febbraio 2002 “Ripartizione per settori di intervento delle risorse finanziarie affluenti il Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2002” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 maggio 2002, n. 107)
2003 896.823.876,00 96.985.863,00 993.809.739,00 Decreto 18 aprile 2003 “Riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2003” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 25 luglio 2003, n. 171)
2004 850.000.000,00 31.250.001,00 881.250.001,00 Decreto 1 luglio 2004 “Ripartizione, per settori di intervento e aree territoriali delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2004” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 settembre 2004, n. 228)****
2005 518.000.000,00 38.984.000,00 556.984.000,00 Decreto 22 luglio 2005 “Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2005” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220)
2006 775.000.000,00 50.027.000,00 825.027.000,00 Decreto 25 agosto 2006 “Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2006” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 ottobre 2006, n. 235)
2007 745.000.000,00 43.450.208,00 788.450.208,00 Decreto 16 giugno 2007 “Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2007” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 settembre 2007, n. 213)
2008 656.451.148,80 41.182.547,56 697.633.696,36 Decreto 19 novembre 2008 “Riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2008” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 17 dicembre 2008, n. 294)
2009 518.226.539,00 60.353.618,00 578.580.157,00 Decreto 25 novembre 2009 “Riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali – anno 2009” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 20 febbraio 2010, n. 42)
2010 380.222.941,00 55.035.018,00 435.257.959,00 Decreto 4 ottobre 2010 “Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2010” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 gennaio 2011, n. 8)
2011 178.584.045,00 39.500.000,00 218.084.045,00 Decreto 17 giugno 2011 “Ripartizione del Fondo nazionale per le politiche sociali – anno 2011” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 16 agosto 2011, n. 189)
2012 10.680.362,13 32.033.310,00 42.713.672,13 Decreto 16 novembre 2012 “Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2012” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 gennaio 2013, n. 8)
2013 295.020.000,00 43.704.000,00 338.724.000,00 Decreto 26 giugno 2013 “Riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali – Anno 2013” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 settembre 2013, n. 212)
2014 258.258.541,20 34.799.713,00 293.058.254,20 Decreto 21 febbraio 2014 “Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2014” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 maggio 2014, n. 101)
2015 278.192.953,00 34.799.713,00 312.992.666,00 Decreto 4 maggio 2015 “Ripartizione delle risorse finanziarie afferenti il Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2015” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 luglio 2015, n. 165)
2016 277.790.028,00 33.799.713,00 311.589.741,00 Decreto 10 ottobre 2016 “Riparto delle risorse finanziarie del Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2016” (Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 novembre 2016, n. 279)

* Le dotazioni considerate in questa scheda sono unicamente quelle ripartite tra le Regioni e le Province Autonome e quelle destinate alle Amministrazioni centrali dello Stato. Non sono considerate invece né le risorse destinate ai Comuni per l’attuazione della Legge 285/87 afferenti al FNPS fino al 2007, né quelle destinate all’INPS per la garanzia dei diritti soggettivi affluenti nel FNPS fino al 2009.

** A partire dall’anno 2010 le somme riferite alle Province Autonome di Trento e Bolzano sono rese indisponibili, pur essendo calcolate ai fini dei decreti di riparto. Pertanto, in questo Focus, tali somme non sono state inserite nella presente tabella, né riportate nel grafico sottostante. (Riferimenti normativi: comma 109 dell’art. 2 della Legge 23 dicembre 2009, n. 191 e in applicazione della Circolare n. 0128699 del 5 febbraio 2010 del Ministero dell’economia e delle finanze).

*** I decreti di riparto considerati in questa scheda sono solo quelli successivi all’approvazione della Legge 328/2000.

**** Il Decreto 1 luglio 2004 ripartisce alle Regioni e Province Autonome ulteriori 150.000.000,00 di euro afferenti al Fondo per gli asili nido, di cui all’art. 70 della Legge 28 dicembre 2001, n. 448 (legge finanziaria 2002).

Grafico 1 – Andamento degli stanziamenti del FNPS destinati a Regione e Province Autonome e Amministrazioni centrali. Anni 2002-2016

© Riproduzione riservata